| | | |
untitled

Probabilmente hai speso molto tempo nel studiare il punto G, come stimolarlo, come trovarlo e come trasformarlo nell’orgasmo. Quello che a molti uomini non è familiare è il loro punto G. Qualcuno come te potrebbe essere sorpreso del fatto che sia la prostata, la versione maschile del punto G femminile ed è più facile da trovare. Noi sappiamo e ci rendiamo conto che l’idea di esplorare questa area è da considerarsi tabù, ma se mantieni gli occhi aperti mentre leggi questo articolo, potresti vivere uno dei migliori orgasmi della tua vita.
Il punto G maschile non è difficile da trovare, ma richiede un po’ di pazienza. Sdraiarsi sulla schiena è la posizione più comoda per trovarlo e per farlo userai o il letto o un grande sofa. Il processo è molto semplice: con le gambe alzate. Se hai delle difficoltà a raggiungere il perineo in questa posizione, puoi sempre alzare il tuo posteriore e mettere un cuscino o due per controllare meglio. Dopo aver trovato la posizione a te più comoda, inizia a massaggiare in modo delicato la zona intorno all’ano. Quando sarai in contatto con il punto G maschile lo riconoscerai per le sue dimensioni decisamente piccole.

Ti è stata utile questa guida? Votala. Con il pollice su indicherai che ti è piaciuta, con il pollice giù indicherai che non ti è stata utile.
Vota, diventa parte integrante della comunità di Come Quando!

Non mi piaceMi piace (+12 punteggio, 7 voti)
Loading ... Loading ...
Simona Bernini - Il 22 mag 2013

Leave a Reply


  • RSS
  • OkNo
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • FriendFeed
  • Youtube

Guarda anche questi siti:

raccomandati

Categorie



Fatti a mano con amore da Nextone Media

Notizie.it - Mamme Magazine - Come Quando - Viaggiamo - Video Classifica

Driven by Nextone Media